Stampa
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Signore e signori, una notizia fenomenale dal mondo scientifico: si è obesi a causa di un gene del grasso,il cui nome è IRX3. Lo hanno individuato scienziati americani e spagnoli in uno studio pubblicato su 'Nature'.  I ricercatori hanno anche scoperto che topi Ogm in cui veniva eliminato IRX3 erano molto più magri rispetto agli animali che possedevano il gene,pesavano circa il 30% in meno e a fare la differenza era proprio una massa grassa minore;non solo, i topi con IRX3 'spento' erano praticamente immuni dall'obesità, anche se venivano nutriti con una dieta ipercalorica e anche se non facevano movimento. Infine, avevano una maggiore capacità di metabolizzare il glucosio e risultavano protetti dal rischio diabete. Gli scienziati sono partiti da ciò che già sapevano sulle cause genetiche dell'obesità e, cioè, dal coinvolgimento di un altro gene, il  FTO. Alcune mutazioni delle regioni non codificanti di questo gene, porzioni che quindi non codificano per nessuna proteina, erano già state associate a un maggior rischio di obesità e diabete, ma non era ancora stato capito in che modo queste regioni non codificanti del gene influissero sulla funzione del gene stesso. La cancellazione di FTO o, al contrario, una sua sovraespressione, in modelli animali, mostra di incidere sulla massa corporea e sulla composizione del corpo, non solo sul grasso. Gli autori dello studio hanno scoperto che queste mutazioni delle regioni non codificanti di FTO influenzano l'espressione di un altro gene che si trova a grande distanza: IRX3. Quindi il gene e il promotore che ne attiva l'espressione si trovano molto distanti tra loro all'interno del genoma, a "diverse centinaia di migliaia di coppie di basi di distanza", come spiega Jose Luis Gomez-Skarmeta, del Centro andaluso di biologia dello sviluppo di Siviglia, in Spagna, tra gli autori dello studio. I ricercatori hanno visto quindi che, nei topi adulti, gli introni del gene Fto ‘prendevano ordini’ dalla regione promotrice del gene Irx3. ll vero gene del grasso è l’ Irx3 e non il  Fto. L’Irx3 codifica per una proteina che regola altri geni ed è presente sia all’interno che all’esterno del cervello. Nell’uomo sarebbe quindi difficile sopprimerne l’attività senza effetti indesiderati. Gli scienziati hanno scoperto chel’ Irx3 agisce nell’ipotalamo, centro di controllo di appetito e dispendio energetico . Ora, bisogna  capire quali siano i bersagli molecolari dell’ Irx3 perché, alcuni di essi, potrebbero divenire degli ottimi bersagli terapeutici di nuovi farmaci contro l’obesità e il diabete.