Stampa

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Bovalino - Il consumo di tabacco causa seri danni alla salute; sembrerebbe  un’affermazione scontata,eppure non è così. Per questo motivo,la Cancer Society,in Finlandia, ha promosso una campagna di comunicazione,lanciata in rete, per sensibilizzare le persone sugli effetti pregiudizievoli del fumo. Il progetto si chiama “Tobacco body” e,attraverso un sito interattivo,vengono mostrate le differenze che intercorrono tra il corpo di un fumatore e quello di un non fumatore.

La figura di un uomo e quella di una donna vengono analizzate interattivamente e si mettono in evidenza le conseguenze che il fumo provoca in ogni parte dell’organismo. Il consumo di tabacco comporta diverse conseguenze, dall’aumento del peso, alito pesante e acne sino alla possibilità di cancro ai polmoni e di ulcere. Nelle donne, il fumo causa una riduzione del livello di ormoni femminili con un conseguente aumento di quelli maschili e un sorgere di peluria sopra il labbro superiore, oltre ad un abbassamento della libido sessuale. Per quanto riguarda gli uomini, la sigaretta può causare  problemi erettili.  I rischi legati al fumo sono evitabili soltanto smettendo di fumare. Fumando 20 sigarette al giorno, in un anno introduciamo nel nostro organismo 70.000 carichi di nicotina. Una volta inalata, questa sostanza raggiunge il cervello in 7 secondi (la metà del tempo impiegato dall'eroina iniettata), provocando notevoli modificazioni nella sua attività. Il fumo di sigaretta non è composto da sola nicotina: sono state rilevate oltre 2.000 sostanze, derivanti dalla simultanea combustione del tabacco e dei conservanti. Le principali, per presenza ed effetti sono: nicotina, monossido di carbonio, catrame e sostanze irritanti. La nicotina è un liquido contenuto nelle foglie del tabacco, facilmente solubile in acqua; il monossido di carbonio è un gas, contenuto anche negli scarichi delle automobili e di alcuni impianti industriali (una delle cause dell'inquinamento atmosferico).Il catrame è un insieme di sostanze solide, la principale delle quali è il benzopirene; le sostanze irritanti sono la  formaldeide, l’acroleina, l’ammoniaca, i fenoli, l’acido cianidrico, il polonio 210, il cadmio, il nichel. Il fumo è uno spietato killer, soprattutto per coloro che si sono avvicinati alle sigarette da giovanissimi. Smettere di fumare non è facile,ma basta una forte dose di buona volontà. Ogni anno milioni di persone smettono. Tutto ciò dimostra che non è impossibile. Bisogna,inoltre,sfatare un mito:la sigaretta non fa rilassare affatto! In realtà, il fumo è uno stimolante che aumenta la frequenza cardiaca. Perché smettere di fumare?Il fumo è la principale causa di mortalità. Ogni anno,infatti, perdono la vita per causa del fumo circa 3.000.000 di  persone e solo in Italia 80.000. Al mondo si contano oltre 1 miliardo di fumatori  che fumano circa 6 mila miliardi di sigarette all'anno; quindi, in media, ogni fumatore consuma circa 6.5 kg l’ anno di tabacco, con consumo medio di 1.600 sigarette l’ anno. Queste cifre sono in aumento, non solo nel Terzo Mondo dove dal 1970 il consumo di tabacco è cresciuto del 67%, ma anche in tutto il Mondo Industrializzato. Il nuovo obiettivo dei produttori di sigarette rimane il mercato cinese, dove 300 milioni di fumatori consumano 1.880 miliardi di sigarette l’anno. (Annarita La Barbera)