CalabriaInforma

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

imagesCari Romantici buon giorno. Rieccoci con qualche rima di un poeta Romano, NICO UR. Tante parole vorrei dire, ma di parlare non mi va. Solo una cosa cari romantici. Parlate sempre, Non annoierete mai. Non abbiate mai paura di dire quello che provate.  Non Rischiate di non dire tutto. Come ad esempio " Vorrei prendermi cura di te...."

Giri con un cuore che non è più tuo perché dentro ti hanno uccisa,
ci mostriamo forti ma siamo fragili, Arisa.
Ho preso il mio cuore, ci ho fatto un fiocco e te l’ho regalato
ma piango e rimpiango tutto quello che non t’ho dato.
Ti ho incontrato la prima volta nel mio girone dell’inferno,
sei stato il mio calore nel mio freddo inverno.
Ti ho lasciato andare anche se non l’avrei mai detto
e ora le conseguenze sul mio corpo le accetto.
Mi sono procurato su ‘sto petto una cicatrice,
sono un Dante più moderno e tu la mia Beatrice.

Nico UR

Mi spoglio di sentimenti davanti a te, riempi il bicchiere,
rime sparse nel mio cuore, il Canzoniere.
Per la strada mi chiamano il poeta,
hai tutto tranne me, incompleta.
Mi hai dato tanto, mi hai tolto il cuore
in questi giorni grigi sogno de vede un po’ de colore.
Piango da solo, Oceano Atlantico,
faccio le mie gesta, Ultimo Romantico.
Nuoto nei tuoi occhi sai sono il mare,
è navigando nei tuoi occhi che ho imparato ad amare.
Navigo e carico tutte le mie emozioni in una barca,
Tu sei la mia piccola Laura e io quel criminale di Petrarca. -NICO UR