Stampa

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

E' stato completato il restauro del "Padre Eterno" opera del XVII secolo, custodito c/o la chiesa del Rosario di Bagnara. Il 1 febbraio 2013, l'Arciconfraternita Maria SS. del Rosario di Bagnara Calabra, ha provveduto a trovargli una sistemazione all'interno dell'edificio.

Per numerosi anni, il "Padre Eterno" rimase posizionato in un cortile all'aperto, in preda agli agenti atmosferici. Adesso, finalmente, l'antica statua potrà essere tutelata e conservata nel tempo, all'interno della sagrestia.

Oppurtunatamente guidata dall'Ufficio dei Beni Culturali dell'Arcidiocesi di Reggio-Bova e dalla competente Soprintendenza, l'Arcicofraternita Maria SS. del Rosario ha provveduto a promuovere l'importante intervento di restauro di un opera certamente dibattuta. descrizione statua: Grandioso rilievo marmoreo che faceva parte di un gruppo di statue dell'antica abbazia S. Maria e i XII Apostoli. In base all'analisi condotta da alcuni studiosi, la statua sarebbe riconducibile alla maniera dello scultore Gian Lorenzo Bernini.

La statua è a figura intera poggiante su un vortice di nuvole. Il capo e lo sguardo sono rivolti verso il basso, il braccio destro, lievemente flesso, scende lungo il fianco mentre la mano sinistra si posa sul globo, alla cui base sono poste due teste di cherubini. Il monumentale senso plastico dei volumi è alleggerito dalla percezione del movimento, che è data dal sollevarsi del drappeggio della veste e dalla barba scomposta, entrambe agitate dal vento".

L'opera, negli ultimi anni, non ha smesso di suscitare l'interesse e la curiosità di appassionati cultori dell'arte che hanno scoperto come la statua sia citata anche nelle carte d'un antico studioso calabrese, ben noto per la sua attenzione e passione per i beni culturali, Alfonso Frangipane, fondatore dell'Istituto d'arte e del Museo della Magna Grecia di Reggio Calabria.