Stampa
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

"Belen Rodriguez" indossava gli slip oppure no? Questo è uno dei quesiti che ha creato un divario pochi giorni or sono all'interno dell'opinione pubblica che, discordante si divide su due fronti. Penso sia un quesito totalmente irrilevante, o perlomeno non così importante da ricoprire pagine di giornale come la "Repubblica" e altre testate e che non dovrebbe essere neanche oggetto di divari.

 

Ho deciso di stender quest'articolo di giornale prettamente per porre alla vostra attenzione e farvi riflettere su questo "evento", che più che caricarsi di salienza dovrebbe esser soltanto condannato come esecrabile. Per quanto mi concerne, questa questione è stata deliberatamente innescata al fine ( ed ha adempiuto allo scopo) di aumentare l'audience e di fare notizia. L'effetto è tristemente sortito. La questione più biasimabile è che il festival di Sanremo che dovrebbe limitarsi a occuparsi di musica e quant'altro più analogo, e semmai imperniarsi sullo "show pulito", essendo un programma che viene trasmesso in prima serata, e che dovrebbe incitare gli ascolti medianti componenti "altre", ha deciso di far parlare di sé attraverso uno scalpore volgare. Come ho già citato poc'anzi non credo sia stato un incedente avvenuto inavvertitamente, tutt'altro... come se non bastasse, ammesso e non concesso che non fosse intenzionale il "disguido" verificatosi, dimostra egualmente quanto gli Italiani siano poco sensibili nei confronti dei problemi meritevoli d'attenzione e molto attenti invece a episodi totalmente deleteri. Il video di Belen è stato cliccatissimo su youtube, la gente ha cominciato ad azzuffarsi per una questione inutile e ribadisco, deleteria. Deleteria soprattutto per le giovani, che esempio viene dato alle ragazzine? Attualmente una questione oggetto di altre discussioni: la nuova generazione ha svilito il pudore? E' una delle questioni più discusse. Beh, avendo avuto modo di documentarmi e di leggere varie opinioni sull'intricata rete del web, e delle più disparate, pare sia proprio così. La nuova generazione manca di valori, il pudore è diventato un optional, è stato depredato e gettato nel dimenticatoio. Per quanto mi riguarda, credo che il libero arbitrio, come ho sempre asserito ed esplicato del resto precedentemente in alcuni miei articoli è fondamentale, anche talvolta trasgredire e contravvenire a una morale troppo rigida non è tendenzialmente sbagliato, ma onestamente leggendo alcune opinioni facenti parte del modo di vivere di alcune ragazzine, ho avuto inevitabilmente modo di rendermi conto che la volgarità è diventata d'uopo. A chi imputare la colpa? Additare i media è così sbagliato? In medio stat virtus: non credo che si possa fare interamente una colpa ai mass media, ma indubbiamente e questo è inconfutabile l'immagine  donna uguale "oggetto volgare/volgare" di cui caricano la figura femminile incide irreversibilmente, e non poco. Non sono mai stata d'indole una "puritana estremista", però ovviamente godo di un senso critico che mi permettere di scindere tra volgarità e sensualità. La sensualità è una componente essenziale che contraddistingue e contrassegna la femminilità, la volgarità invece ha a che fare con la trivialità. E' un circolo vizioso che si arroga il diritto annoverare ragazzine e donne che credono fermamente che quell'immagine di "femmina oggetto" che viene propinata dallo schermo sia un fine e una meta cui ottemperare. Riducendo la morale ai minimi termini, sostituendo, perché quanto possa apparirvi paradossale è così, la morale, la cultura, la femminilità, alla licenziosità, allo scabro, alla volgarità, e che sminuisce e corrode la femminilità vera, e più propriamente la dignità. Ritornando a Belen, non il fatto in sé che suscita reprensibilità e sdegno, parliamo chiaramente: il web è pieno di oscenità ed anche il palinsesto stesso. E' più che altro l'oltraggio che viene fatto alla dignità femminile, perché viene utilizzata la finta dèfaillance dell'incidente per incentivare l'audience, e si continua alla chetichella a divulgare la raffigurazione non di donna, non di sensualità, ma di femmina da letto, che si fomenta con componenti come gossip e altre idiozie ed a quanto traspare, il Popolo ne va ghiotto. Andare a caccia di farfalle sarebbe forse più educativo, sì ma letteralmente non nel senso traslato del termine.