CalabriaInforma

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Adeguamenti necessari per proseguire le attività lavorative sono stati richiesti dal Governo Conte, tuttavia questo sembra non essere stato utile a fermare l’avanzata della pandemia in Italia, secondo quest’ultimo.

Con la chiusura anticipata di bar e ristoranti si blocca un’intera filiera la quale non potrà recuperare, almeno nel breve termine, i costi programmati e le perdite; mentre con la chiusura di palestre e piscine si è voluto dare uno stop ad attività non necessarie (cosa è necessario?), definendole non sicure.

Francesco Donato afferma che bisognerebbe prendere misure drastiche per limitare gli spostamenti con mezzi pubblici, quali autobus e metropolitane, soprattutto in grandi città come Milano e Roma; a seguito delle nuove e continue disposizioni di svariati DCPM, il Governo crea solo malcontento tra i cittadini, infatti le numerose manifestazioni nell’intero Paese devono far riflettere (e non possono fare evitare ciò) il Presidente del Consiglio dei Ministri e tutti i ministri stessi al fine di risolvere la situazione evitando assolutamente un secondo lockdown nazionale con conseguenti misure economiche ‘di tamponamento’ non di rilevante importanza, se non irrisori, nei bilanci familiari/aziendali.