CalabriaInforma
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Su richiesta del Presidente della Sacal, Dott Arturo De Felice, si è tenuto questo pomeriggio a Roma, presso il Gabinetto del Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, un incontro tecnico finalizzato a fare il punto di situazione sull’impiego dei fondi stanziati per gli interventi infrastrutturali sullo scalo di Reggio Calabria e sulla continuità territoriale per l’aeroporto di Crotone.

Alla riunione, presieduta dal Vice Capo di Gabinetto del Ministro, Dr.ssa Maria Teresa Di Matteo, hanno partecipato oltre al Presidente della Sacal, i dirigenti tecnico-operativi dell’Enac ed i Responsabili delle varie direzioni del Ministero

Gli argomenti affrontati sono determinanti per lo sviluppo degli Aeroporti calabresi e del territorio su cui insistono. In particolare, per l’aeroporto di Reggio Calabria, si è discusso sui fondi per interventi infrastrutturali, a seguito dell’iniziativa parlamentare, che ha previsto nella finanziaria 2019 lo stanziamento di 25 milioni di euro, a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione, approvato con delibera Cipe lo scorso 24 luglio, per l’ammodernamento dell’Aeroporto Tito Minniti, attraverso una serie di opere di ristrutturazione, riqualificazione e di adeguamento energetico, oltre che ad azioni e procedure atte ad agevolarne l’accessibilità.

Per quanto attiene la continuità territoriale per i collegamenti operati dall’Aeroporto di Crotone, questi agevolerannol’uscita dallo storico isolamento dovuto alle inadeguate infrastrutture stradali e ferroviarie che ostacolano lo sviluppo economico dell’intera provincia.

All’esito dell’incontro tutti i partecipanti hanno convenuto di velocizzare al massimo l’iter per la definizione delle procedure da attivare, condividendo un cronoprogramma che prevede, per l’aeroporto di Reggio Calabria, la firma di una Convenzione tra il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, Enac e Sacal, già nei prossimi giorni. Per l’aeroporto di Crotone sarà portato alla firma del Ministro, nel mese di febbraio, l’atto di imposizione degli Oneri di Servizio Pubblico propedeutico all’avvio delle procedure di gara.