CalabriaInforma
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

59854959 671691493286308 505579493973295104 nGrazie ai social siamo tutti protagonisti. Basta un click e si apre un mondo, di cui un tempo non conoscevamo per intero, se non viaggiando, studiando e leggendo. Basta un paio di occhiali da vista, giacché siamo diventati tutti più accecati, per osservare le infinite immagini che scorrono velocemente su un display e ricevere, così, informazioni di ogni genere indipendentemente dalle distanze. Appena svegli, al mattino, il primo pensiero è rivolto a quell'aggeggio di cui siamo dipendenti, perché la nostra vita, senza il cellulare o il computer, appare sbiadita, senza colore. I colori del tempo non li conosce più nessuno e tantomeno distinguiamo più il colore della nostra esistenza. Un miscuglio di tinte, la nostra vita; stati emotivi che ci conducono ad assaporare solo il grigiore dell'età che avanza. L'esistenza umana è spianata sui social come carne disossata e pronta per essere cucinata e condita di ogni giudizio. Il caos umano è racchiuso dentro un involucro social come un quadro la cui cornice è un ammasso di frustrazioni.

L' Io unico si perde in se stesso. Il posto al sole è quello virtuale. Un sole che si accende sulle vite ma che si spegne ad ogni click.  Perché le nostre esistenze si sono ridotte a tasti di solo accensioni e spegnimenti. La vita, quella vera, richiede ben altre cose di cui noi non siamo più capace di offrire. Viviamo nell'effimero. I sentimenti, le azioni, ogni comportamento dell'uomo sono al limite dello scontento. Siamo scontenti perché sfiduciati. Per fortuna c'è il social che in questo ci aiuta! Ci invita a seguire la cura procrastinata da un virtuale che invece di sanarci ci annichilisce. Siamo spugne, assorbiamo tutto in maniera esponenziale; diventiamo tristi e aggressivi, infelici e folli, sfiduciati e condizionati. Dipendenti del potere manipolatore dei social. La libertà è un valore che nasce al mattino di ogni alba e termina al mattino di ogni alba. La libertà è quello del mondo virtuale mentre fuori viviamo prigionieri senza catene. Siamo degli sconfitti prima che combattenti, siamo perdenti prima che vincitori, siamo lame taglienti che spezzano l'aria. Grazie al grande distributore informatico, la nostra vita è piena di ogni tipo di carburante. Tutto è a portata di mano. Non è necessario sforzarsi per raggiungere cose che un tempo richiedevano capacità. Non è necessario corteggiare la persona per la quale mostriamo un certo interesse, perché desiderare non si coniuga più con l'amore. Non è necessario studiare per essere liberi perché l'ignoranza è più produttiva e servibile al potere. Fuori dai social la vita viaggia su binari obsoleti e ciascun individuo lotta per colorare di speranza la propria esistenza.

(Giovanna Mangano)