CalabriaInforma

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

asilo bovalinoUn altro importante e cospicuo finanziamento (500 mila euro) è stato concesso al Comune di Bovalino nell’ambito del Piano triennale Opere Pubbliche 2018-2020; piano sviluppato dal Ministero dell’Interno e diffuso attraverso l’emanazione del Decreto 06/03/2019 (in corso di pubblicazione sulla G.U.) che ha definito la graduatoria dei Comuni che possono attingere al contributo per la “Messa in sicurezza degli edifici e del territorio”, di cui all’art.1, comma 853 e seguenti, della legge 27/12/2017, n. 205. In pratica si tratta di quei Comuni che non avevano beneficiato di risorse nella precedente legge 28/12/2015, n.208 (Legge di stabilità 2016). Questo nuovo finanziamento, che rappresenta indubbiamente una nuova boccata d’ossigeno per l’Ente, si somma ai precedenti 4.625.000,00 euro di cui l’Ente è stato già assegnatario.

Erano decenni che Bovalino e la sua comunità non godevano di una simile attenzione da parte delle Autorità sovraordinate, e pensare che parliamo di un Comune che ha dichiarato il dissesto economico-finanziario il 23/12/2017 e che nell’aprile del 2015 fu sciolto dal Ministero dell’Interno per “infiltrazioni mafiose” con conseguente commissariamento. Pertanto, solo l’impegno costante e continuo di un’Amministrazione attenta ai problemi del paese e della gente poteva portare dei benefici senza lasciare nulla d’intentato e così è stato! Nel corso di questo ultimo anno e mezzo si è riusciti ad ottenere importanti finanziamenti che consentiranno al paese di cambiare radicalmente volto.

L’oggetto del desiderio e delle attenzioni del Comune, stavolta, è stato lo stabile sito in Via Garibaldi, immobile che in passato ospitava le suore che gestivano l’asilo e che è ritornato1509984226 di recente nella disponibilità del patrimonio comunale dopo anni di vicissitudini giudiziarie e fiumi di carte bollate. Terminata questa lunga fase e verificato l’effettivo decadimento strutturale dell’immobile, l’Ente ha subito attivato tutte le procedure per addivenire ad un suo pieno ed effettivo recupero considerandolo, tra l’altro, immobile di assoluto “pregio storico”. Per tale motivo, lo scorso 19/09/2018, gli uffici preposti del Comune hanno presentato istanza di partecipazione al bando che prevedeva l’erogazione del finanziamento di messa in sicurezza. “Tornerai bella come allora e forse ancora di più...infatti dopo averla riportata nel patrimonio comunale...abbiamo richiesto ed ottenuto un finanziamento di €500.000,00 per la sua messa in sicurezza e ristrutturazione! Sarà un gioiello incastonato nel centro del nostro bel paese! Con impegno, fiducia e pazienza Bovalino rinasce”, con queste parole postate sul proprio profilo facebok, il Sindaco Maesano, ha salutato la notizia del contributo appena ottenuto.

Per la cronaca, i contributi assegnati dal Ministero dell’Interno con il già citato Decreto, sono erogati ai Comuni beneficiari, secondo le modalità ed i termini previsti dal comma 858 dell’art.1 della legge n. 205 del 2017, nella misura del 20% entro il 28/02/2019, del 60% entro il 31/05/2019, previa verifica dell’avvenuto affidamento dei lavori e del restante 20% previa trasmissione, al Ministero dell’Interno, del certificato di collaudo, ovvero del certificato di regolare esecuzione rilasciato per i lavori eseguiti dal direttore dei lavori stessi, ai sensi dell’art. 102 del codice di cui al D.Lgs. 18/04/2016, n.50. Il Comune beneficiario del contributo, è tenuto ad affidare i lavori per la realizzazione delle opere pubbliche entro 8 mesi dalla pubblicazione del Decreto. In caso di inosservanza del predetto termine, il contributo già trasferito all’Ente è recuperato dal Ministero dell’Interno e non si procederà, di conseguenza, all’erogazione della restante quota del contributo inizialmente attribuito.

Quindi un altro tassello nel puzzle del cambiamento è stato inserito, ora attendiamo soltanto che vengano espletate tutte le procedure burocratiche necessarie all’avvio dei lavori per poter vivere e respirare un’aria tutta nuova e certamente più salubre. La parola d'ordine al momento è "pazienza e fiducia".